Cerca
 cerca informazioni o persone
 

Autori: Riccardo Zandonini, Nadia Baldassino, Fabio Freddi
Casa Editrice: Università degli Studi di Trento – Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica - Trento (Italy)
Anno edizione: 2018
DOI: 10.15168/11572_219133
Tutti i diritti riservati: Riccardo Zandonini, Nadia Baldassino, Fabio Freddi

ABSTRACT

La robustezza strutturale è un tema di grande attualità, oggetto di un numero crescente di studi. L’Università di Trento ha partecipato al progetto ‘Robust Impact design of steel and composite building structures’ (acronimo ROBUSTIMPACT). Tale progetto è stato finanziato nell’ambito del Programma RFCS (Research Fund for Coal and Steel). Il presente documento riguarda l’attività sperimentale condotta presso il Laboratorio Prove Materiali e Strutture (LPMS) dell’Ateneo trentino.

Il progetto Robustimpact si è posto l’obbiettivo di analizzare il comportamento delle strutture miste acciaio-calcestruzzo in presenza di azioni eccezionali. In tale ambito, sono state effettuate numerose prove a scale diversa per studiare sia il comportamento strutturale globale sia quello dei principali componenti strutturali. Per quanto riguarda la risposta globale, sono state condotte presso il LPMS due prove 3D su campioni di telaio composto acciaio-calcestruzzo a grandezza reale, simulando il collasso di una colonna interna. La finalità dello studio è quella di approfondire le conoscenze sul contributo dei collegamenti e su quello 3D della soletta nell’attivare un meccanismo resistente alternativo.

La sperimentazione si è sviluppata con riferimento a due casi studio di edifici composti acciaio–calcestruzzo di cinque piani che differiscono tra loro per la configurazione geometrica di piano. Da questi sono stati ‘estratte’ due sottostrutture provate in laboratorio. La fase di pianificazione della campagna sperimentale ha richiesto studi preliminari finalizzati a:

  • scelta e definizione degli edifici tipo assunti come casi studio;
  • progetto delle strutture di riferimento in accordo agli Eurocodici;
  • identificazione di sottostrutture rappresentative (sistema travi e soletta, colonne e giunti) da provare in laboratorio;
  • progettazione del sistema di prova.

Questo documento riguarda il progetto dei casi studio, delle sottostrutture e del sistema di prova.
In particolare, il capitolo 2 descrive il progetto in accordo agli Eurocodici dei casi studio per entrambe le configurazioni considerate. Il capitolo 3 si concentra sulla progettazione delle sottostrutture, sulle analisi numeriche a tal fine svolte e sul progetto del sistema di prova. In conclusione nel capitolo 4 è proposta la sintesi di tutti i componenti progettati e necessari alla realizzazione delle sottostrutture e del sistema di prova. I disegni esecutivi della progettazione sono contenuti negli allegati A-C.