Cerca
 cerca informazioni o persone
 

L’attività di ricerca del gruppo di Ingegneria sanitaria-ambientale è finalizzata a progettare e gestire tecnologie atte al controllo e alla prevenzione degli impatti negativi  sull’uomo e sull’ambiente, derivanti da attività antropiche (uso delle risorse idriche, scarichi liquidi, emissioni gassose, rifiuti).

Le linee di ricerca strategiche sono di seguito brevemente illustrate:

 
  1. trattamento reflui civili (e industriali), in particolare applicazione di tecnologie avanzate per il trattamento delle acque reflue (bioreattori a membrana, sistemi biologici a biomasse sospese e adese) e per il trattamento dei fanghi (riduzione fanghi con metodi fisici, chimici e biologici);
  2. trattamento rifiuti, biomasse di scarto e implicazioni sulla qualità dell’ambiente. In particolare processi termici convenzionali e non convenzionali (massificazione e pirolisi), processi biochimici aerobici ed anaerobici applicati a residui e biomasse per il recupero energetico, analisi degli impatti ambientali e del rischio nei confronti dell’uomo;
  3. qualità delle acque destinate al consumo umano, in particolare processi di disinfezione con disinfettanti chimici e fisici (UV), sviluppo di metodi analitici basati sulla citometria a flusso per la quantificazione di indicatori fecali nelle risorse idriche;
  4. tecnologie di bonifica dei suoli contaminati, in particolare tecniche chimiche, elettrochimiche e biologiche per la bonifica di terreni contaminati da composti organici;  analisi del  rischio sanitario-ambientale,  test di screening per valutare l’applicabilità delle tecnologie.

Il gruppo è coinvolto in attività di ricerca interdisciplinari relative a: laghi eutrofizzati, inquinamento atmosferico outdoor/indoor, contaminazione ambientale e tecnologie appropriate per paesi emergenti.

Sito web del gruppo di lavoro:

Gruppo di ricerca